Stampa professionale: intervista a Felice Ucchino di Fujifilm

Quando parli di carta fotografica l’associazione mentale con Fujifilm è immediata. L’azienda giapponese è leader del settore in Italia grazie a una proposta commerciale profonda e articolata, in grado di dare risposta a ogni tipologia di esigenza, per offrire ai propri partner di canale, e quindi ai consumatori, un prodotto di qualità senza compromessi.
Per capire come il produttore giapponese sta vivendo il momento attuale del mercato della stampa fotografica e per capire quali sono le novità, abbiamo intervistato Felice Ucchino, Product Manager della divisione Photo Imaging di Fujifilm Italia.

Come vede l’attuale scenario di mercato della stampa e della carta fotografica in Italia?
Dopo un lungo trend negativo il settore della stampa negli ultimi due anni si è stabilizzato. A fronte di perdite su alcune tipologie di prodotto, si assiste in generale a una leggera ripresa, più marcata nella stampa professionale. Per quanto riguarda il settore amatoriale, continua la contrazione del numero di foto-negozi dotati di minilab per via degli oneri di mantenimento. In alcuni casi il servizio viene effettuato attraverso la totale collaborazione con i laboratori industriali oppure si sostituisce la tecnologia wet con quelle dry scegliendo soluzioni a minor costo. Qui Fujifilm è presente sia con le stampanti a sublimazione sia in ambito getto di inchiostro con la Frontier-S DX100. A riguardo dei grandi player del settore photo-finishing, il comparto ha già subito una profonda ristrutturazione. Quelli presenti e attivi riescono a sostenere il business e alcuni più abilmente reinventando nuove offerte: in questo ambito il consumo di carta fotografica è abbastanza stabile. La carta amatoriale viene qui utilizzata ancora come stampa da archivio e condivisione ma soprattutto in modo nuovo, cioè come elemento per realizzare bundle fotografici come, ad esempio, cofanetti di foto-prodotti. L’industria inoltre si è concentrata molto nel realizzare app, considerato che tantissime immagini vengono prodotte con gli smartphone, per facilitare l’accesso ai servizi di stampa presentati in modo nuovo.

Quali le performance di vendita delle carte Fujifilm all’interno dello scenario descritto?
Il consumo di carta fotografica Fujifilm nel nostro Paese è buono, in particolare per tre motivi: affezione per l’alta qualità, l’ampio range di prodotti e la convenienza figlia di una grande capacità produttiva a costi per lo più ammortati. Con il progetto “Original Photopaper”, che è anche un sito Web e un logo ad alta riconoscibilità, ci proponiamo di far identificare la carta all’alogenuro di argento con la fotografia stampata. Al momento presenta informazioni tecniche ma presto ospiterà anche contenuti rivolti ai consumatori. Forti dell’esperienza di quanto stiamo facendo con Instax, raccoglieremo a breve anche il punto di vista degli utenti, come ad esempio i commenti che riceviamo sui nostri canali di Instagram e Facebook. Il consumatore troverà inoltre uno store locator per conoscere dove poter stampare o ricevere le proprie foto sulle carte fotografiche di Fujifilm Original Photopaper.

Quali le performance in ambito professionale?
Stiamo riscuotendo un grande apprezzamento del mercato. C’è un incremento dei consumi di tutto il nostro line-up DP II e delle carte a effetto fine art, non solo dovuto alla diffusione degli album fotografici formato fotolibro ma anche alle applicazioni per il Wall Decor. La Velvet è perfetta per fotolibri e poster. Ottimi consensi anche per le textured, la silk e la pearl.

Quali le sfida che siete chiamati a vincere?
Sicuramente quella di promuovere al meglio la cultura della stampa fotografica. Dobbiamo far comprendere al consumatore – e insieme con i partner di canale ci stiamo riuscendo – non solo che la fotografia su carta acquista un valore incomparabile rispetto a quella su un file, visualizzato sul display di un cellulare o di un computer, ma anche che si può godere delle proprie immagini stampate in maniera giocosa e personale. Qui la qualità della carta fotografica è fondamentale per ottenere il risultato perfetto e in linea con le più alte aspettative. Il consumatore in questi ultimi anni è cambiato molto e il foto-negoziante e gli altri operatori sono chiamati a offrire nuove proposte per le nuove esigenze dei clienti. Grazie ai nostri prodotti – e mi riferisco, oltre alle nostre carte anche ai nostri smartlab come il DX100 – si è nella possibilità di farlo, proponendo stampe di ogni formato, per tutti gli usi e nei più attuali formati: quadrato e panoramico. Si riesce così a fornire prodotti che riservano ottimi margini e quindi in grado di rilanciare il proprio giro d’affari. Disponiamo inoltre di soluzioni per la stampa assistita e per quella self service. Per quest’ultimo ambito abbiamo sviluppato l’app Order-It [vedi box a fianco], che consente di gestire con facilità e immediatezza l’intero processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *