Panasonic Lumix G9: la recensione di FotoNews

La gamma delle fotocamere Panasonic Lumix G continua a crescere e lo fa con ambizioni importanti, andando a prendere un proprio spazio nel difficile mondo Pro. Questa di per sé non è una grande novità: il produttore giapponese dispone già di strumenti professionali in ambito video, incluse delle ottime fotocamere, come le apprezzate GH5 e GH5s, capaci di essere macchine di altissimo livello anche per video maker evoluti. Ora però l’attenzione abbraccia anche il mondo fotografico “duro e puro”; e sul mercato arriva Lumix G9. Si tratta di una fotocamera di classe, un prodotto di qualità, con un costo importante e caratteristiche di livello assoluto. Tutto ruota intorno al sistema Micro Quattro Terzi che consente di lavorare con corpi macchina di dimensioni più contenute, ottiche meno ingombranti e costose, mantenendo sempre alte le prestazioni.

Lumix G9 esibisce un body macchina tropicalizzato, perfettamente sagomato, con scocca in magnesio e resistente anche a temperature rigidissime. Ben realizzato e facile da gestire, il monitor è da 3 pollici, orientabile in tutte le direzioni e con touch screen; è, poi, davvero valido il mirino EVF da 3,68 milioni di punti, in più l’aggiornamento a 120 fps lo rende particolarmente naturale nel flusso di lavoro.

La superficie è ricca di tasti, molti dei quali sono personalizzabili; solo il posizionamento del pulsante di avvio della ripresa video non ci è parso del tutto intuitivo, come il comando di scatto ci è sembrato fin troppo sensibile alla pressione. Molto utili, invece, il doppio slot per schede SD, la gestione dei dati e l’eventuale back up, che è di gran comodità. Secondo la tradizione de corpi Pro, anche la Lumix G9 non dispone dell’illuminatore integrato, poco male.

Che potenza!

Come detto, il sensore è il collaudato MOS Micro Quattro Terzi da 20,3 Megapixel, unità priva di filtro passa basso, che Panasonic ha messo a punto per ottimizarne le potenzialità fotografiche. La resa dei dettagli è molto buona e anche la capacità di lavorare in scarse condizioni di luce è adeguata alle dimensioni dell’elemento sensibile. Abbiamo provato la fotocamera col 42,5mm f/1.2, il 12-35mm f/2.8 e il 12-60mm f/2.8-4 Leica. Sono ottiche di pregio che danno spessore a un corpo macchina già di per sé molto importante. La parte elettronica è gestita dal processore Venus, capace di sostenere anche raffiche fino a 20 fps. Non solo: è possibile anche acquisire immagini con risoluzione 4 o 6k, estraendo fotogrammi perfetti da video a 60 o 30 fps.

Sensore e ottiche garantiscono sempre dettagli ben leggibili.

Ottima per i paesaggisti o comunque per chi punta a dettagli perfetti la possibilità di scattare con la “super-risoluzione” fino a 80 Megapixel. La macchina combina una serie di scatti in una sola immagine, con un file di dimensioni ragguardevoli (è necessario scattare con un cavalletto). Molto evoluto il sistema di messa a fuoco: 225 punti con rilevamento del contrasto e una moltitudine di settaggi, facilmente governabili dal joystick a portata di pollice. Il motore AF è veloce e preciso, ma è un pò meno brillante quando la luce cala.

Molto bello lo sfocato ottenuto con l’obiettivo 42,5 mm f/1.2.

La modalità video è, al solito, un punto di riferimento nel comparto: la risoluzione può arrivare fino a 4k e 60 fps, mentre la risoluzione Full HD può toccare addirittura gli 180 fps. Molto bene, anche in questa circostanza, la gestione della messa a fuoco. L’audio può essere catturato con microfoni esterni, grazie alla presenza di un jack da 3,5 mm, controllato tramite le cuffie. Insomma Panasonic Lumix G9 ci è piaciuta molto. Forse l’autonomia non è il massimo, ma quando si tratta di mirrorless non è una grande novità né una grave mancanza. Certo è che alcuni tradizionali riferimenti vanno adeguati all’utilizzo di nuove e diverse tecnologie.

Abbastanza buona la tenuta del sensore Micro Quattro Terzi ad alti valori Iso.

Punti di forza

• Prestazioni foto e video.
• Ottima ergonomia.
• Sistema AF molto ben strutturato, anche se soffre un po’ quando c’è poca luce.

Punti deboli

• Pulsante di scatto fin troppo sensibile.
• Autonomia solo discreta.
• Il pulsante della modalità video è un po’ scomodo da raggiungere.

Scheda tecnica

Sensore Micro Quattro Terzi MOS da 20,3 Megapixel
Processore Venus Engine
Autofocus a rilevamento di contrasto con 225 punti e tecnologia DFD
Stabilizzazione a 5 assi sul sensore
Mirino EVF Oled da 3,68 milioni di punti
Display touchscreen orientabile da 3 pollici
Otturatore meccanico 1/4000s, elettronico 1/32000s, raffica fino a 20 fps
Ripresa video 4k 60 fps e Full HD fino a 180 fps
Connettività Wi-Fi e Bluetooth
Dimensioni 136,9×97,3×91,6 mm
Peso 586 grammi (solo corpo)
Prezzo 1.699 euro solo corpo, 1.899 euro kit 12/60 mm, 2.299 euro kit 12/60 Leica

Scarica le fotografie in alta risoluzione scattate con la Panasonic Lumix G9

Guarda la recensione video della Panasonic Lumix G9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *