Ascofoto – Combattiamo usura ed estorsione con i progetti

Articolo acura di Nello Mauri, consigliere Ascofoto

Come abbiamo avuto modo di evidenziare in diverse occasioni e in particolare nell’ultima edizione di “Legalità mi piace”, l’usura e l’estorsione minano il tessuto economico locale e sono presenti in modo più diffuso di quanto si possa desumere dal numero delle denunce presentate. Come rilevato dalla Procura della Repubblica di Milano e dalle Forze di Polizia nella relazione periodica sull’andamento di tali fenomeni, la reale entità degli eventi criminosi è infatti sottostimata a causa della scarsa propensione delle vittime a collaborare con gli inquirenti.

Un nuovo accordo

Nella prospettiva di una sempre più efficace opera di supporto, prevenzione e contrasto la nostra organizzazione ha sottoscritto presso la Prefettura di Milano un Protocollo d’intesa con Banca d’Italia, ABI, Confidi (tra cui la nostra Fidicomet), Istituzioni locali, Associazioni imprenditoriali, Fondazioni e Associazioni Antiusura e Antiracket che rimodula strumenti e finalità di un precedente accordo risalente al 2008. Di seguito Vi informiamo sui principali contenuti del Protocollo d’intesa legati agli impegni assunti dalle parti:

– la Prefettura, con l’Osservatorio Provinciale (del quale fanno parte anche i soggetti firmatari del Protocollo), promuove iniziative di educazione finanziaria, azioni di informazione sull’utilizzazione dei fondi di prevenzione dell’usura, attività di microcredito finalizzata all’inclusione finanziaria delle figure più vulnerabili;
– l’ABI si impegna a promuovere l’adesione delle banche all’accordo a individuare un proprio referente che interagisca con i referenti nominati da ogni banca, ad assicurare un confronto con i confidi e le organizzazioni antiracket e antiusura per migliorare la gestione di nuove e vecchie convenzioni;
per conto delle proprie imprese associate, le Associazioni imprenditoriali firmatarie con i Confidi ad esse collegati,  e la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi per le imprese non associate, si impegnano ad individuare all’interno delle proprie organizzazioni la figura del “facilitatore” antiusura, avente il compito di promuovere la più ampia conoscenza degli strumenti di prevenzione e di solidarietà;
– i Confidi si impegnano a svolgere nel tempo più rapido possibile, non superiore a 30 giorni lavorativi, l’iter susseguente alla richiesta di affidamento per l’accesso ai fondi; con la medesima tempistica le banche aderenti dovranno assumere le decisioni sulle proposte di finanziamento;
– il Comune di Milano, senza alcun onere per chi vi si rivolge, istituisce lo “Sportello Prevenzione Usura e sovraindebitamento delle famiglie” rivolto a soggetti, anche imprenditoriali, che versano in condizioni di disagio originate da motivi economici reali o comunque riconducibili alla situazione di crisi economica, dipendenze patologiche, fatti criminali subiti.

Persuasi che il tema dei fenomeni criminali dell’usura e dell’estorsione, seppur sottaciuto, costituisca sempre un argomento di allarmante attualità sul quale è necessario tenere alta l’attenzione, riteniamo utile e opportuno informarvi in ordine a quanto sopra è stato riportato, mettendovi a conoscenza delle attività svolte dalla nostra Organizzazione in tale ambito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *