Nikon Z7: la prova di Foto News

È stata una delle novità più roboanti del 2018, quasi una rivoluzione, l’ingresso di Nikon nel segmento delle fotocamere mirrorless full frame. Lo ha fatto con due modelli e un nuovo ed evoluto innesto, lo Z Mount. In questo articolo proviamo la Nikon Z7, versione con sensore a risoluzione maggiore rispetto a quello della gemella Nikon Z6. Come detto, i riflettori sono puntati sul nuovo innesto, caratterizzato da un tiraggio di soli 16 mm e da un diametro di 55 mm. Questa soluzione permette sviluppi importanti in tema di luminosità ed efficacia delle ottiche. Sì, è vero, al momento il parco ottiche comprende solo i Nikkor Z 35mm f/1.8, 50 mm f/1.8 e lo zoom 24-70 mm f/4. Ma è in arrivo un superlativo Nikkor Z 58mm f/0.95 S Noct a conferma degli eccellenti margini evolutivi di questa impostazione tecnica.

Nel frattempo, con l’adattatore FTZ -Mount (foto sopra), ci si può “consolare” con le 360 ottiche con innesto F del catalogo Nikon e compatibili con la nuova fotocamera. Z7 vive attorno a un sensore da 45,7 Megapixel ereditato dalla D850 ed esibisce un body compatto, ma perfettamente sagomato, un display touch basculante e un mirino EVF molto ben riuscito. Nuovo anche il sistema AF ibrido (fase/contrato) che può contare su 493 punti selezionabili singolarmente.

Ci sono poi tutti i tipi di connettività oggi disponibile e spicca la presenza di un connettore Usb Type C. Da segnalare che la nuova batteria consente anche la ricarica direttamente in macchina. Desta qualche perplessità, invece, la presenza di un singolo slot per schede di memoria e anche il formato XQD, certo molto efficiente ma assai più costoso e meno diffuso delle ancora valide Secure Digital. Per un utilizzo professionale questa scelta potrebbe essere limitante.

I risultati

Sul campo la Z7 si è mostrata un vero purosangue, capace di unire la tradizione Nikon con le innovazioni del mondo mirrorless. Se in ambito prettamente fotografico il sensore non ha bisogno di presentazioni, abbiamo molto apprezzato in ambito video le accresciute potenzialità del sistema di messa a fuoco e l’efficacia della stabilizzazione sul corpo macchina. Il Nikkor Z 24-70 mm f/4, utilizzato nella nostra prova, ha esibito buone prestazioni, soprattutto al centro, un’altrettanto buona resa in controluce e una grande versatilità di utilizzo.
Il sistema AF raramente va in difficoltà, mentre sono notoveli le capacità di lavorare anche con valori Iso piuttosto elevati: il dettaglio delle immagini inizia a calare dopo i 6.400 Iso. La macchina può spaziare da 64 fino a 25.600 Iso e da 32 a 102.400 Iso in modalità estesa. Buona anche la raffica che raggiunge i 9 Fps. La resa video è interessante, il 4K supporta fino a 30 fps, mentre in modalità Full HD si può registarre fino a 120 fps, per ottenere slow motion di sicuro impatto.

Eccellente la resa dei dettagli fini.
A 25.600 Iso la Nikon Z7 se la cava ancora egregiamente….
Il Nikkor Z 24-70mm S f/4 ha una buona tenuta anche in controluce.

A conti fatti

La Z7 è una Nikon autentica, con la lettera maiuscola. È una macchina capace di portare la cultura del produttore giapponese in nuovi ambiti tecnologici. Primi fra tutti il nuovo innesto Z e un sensore full frame in un body dalle dimensioni molto contenute. Abbiamo poi una qualità dell’immagine al top in ambito fotografico e grande versatilità nel reparto video (con N-Log da 10 bit). Nell’utilizzo quotidiano si nota un livello di autonomia ridotto alle reflex di pari categoria, ma con risultati assai superiori ai dati diffusi dallo stesso produttore. Come detto qualche dettaglio poteva essere realizzato diversamente, ma niente che possa inficiare la godibilità di uno strumento capace di accontentare chiunque pretenda prestazioni di altissimo livello.

Punti di forza

• Grande qualità del sensore.
• Ottimo corpo macchina.
• Stabilizzazione integrata.

Punti deboli

• C’è un solo slot per le schede di memoria.
• Autonomia inferiore rispetto a quella delle reflex.
• Display “solo” basculante e non orientabile.

Scheda tecnica

Fotocamera mirrorless
Sensore full frame da 45,7 Mpixel
Processore Expeed 6
Autofocus ibrido (rilevamento di fase/contrasto) con 493 punti selezionabili singolarmente
Mirino EVF da 3,6 milioni di pixel
Display da 3,2” Lcd Tft da 2.100.000 pixel basculante Otturatore 1/8000s, raffica fino a 9 fps
Ripresa video 4K fino a 30 fps e Full HD fino a 120 fps. Registrazione N-Log da 10 bit
Connettività Bluetooth, WiFi, Usb Type C, Hdmi 10 bit, uscita cuffie e ingresso microfono
Dimensioni 134x100x67,5 mm
Peso 675 grammi (solo corpo, con batteria e scheda di memoria)
Prezzo da 3.949 euro solo body con FTZ-Mount Adapter incluso

Scarica le foto scattate con la Nikon Z7

Guarda la recensione video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *