Pentax K1 Mk II: la prova di Foto News

Pentax aggiorna la sua full frame e lancia sul mercato K1 Mk II. Un’evoluzione che rappresenta, nella sostanza, una messa a punto della versione precedente, al punto che i possessori del corpo macchina originale possono richiedere l’aggiornamento alle nuove specifiche tramite la sostituzione della scheda madre, al costo di 550 euro. Ma concentriamoci sulle caratteristiche della nuova arrivata. La seconda generazione della K1 conferma la presenza di un generoso body, ben sagomato e perfettamente gestibile. Una fotocamera utilizzabile anche sotto le intemperie e con temperature rigidissime.

Il cuore del sistema è il raffinato sensore full frame da 36,4 Megapixel, stabilizzato su 5 assi e gestito dal processore d’immagine Prime IV. Nuovo anche il sistema di messa a fuoco Safox 12, che può contare su 33 punti di rilevamento (di cui 25 a croce) ma soprattutto su un nuovo algoritmo. Tra le specifiche tecniche troviamo anche il Gps e il Wi-Fi. Bello e ampio il mirino ottico, basato su un pentaprisma con visuale di circa il 100 % dell’immagine inquadrata. Il corpo macchina ospita una miriade di tasti, anche personalizzabili, oltre a 3 rotelle di comando delle impostazioni. Due agiscono in modo tradizionale sulle funzioni, una terza collabora con il selettore “Smart” che permette di richiamre velocemente molte delle impostazioni gestibili dalla macchina. Segnaliamo, tra le connettività, la presenza dell’ingresso microfono e cuffie oltre alla porta di rete e all’Hdmi. Molto comodo il monitor posteriore orientabile e basculante, anche se i suoi leveraggi ci sembrano troppo macchinosi.

Trattandosi di un corpo macchina professionale è abbastanza scontata la presenza di un doppio slot per schede SD, con la possibilità di gestire le memorie dal menu interno della macchina. C’è anche la tecnologia PixelShif, che consente di ottenere immagini ad altissima risoluzione tramite l’unione automatica di 4 fotogrammi e la modalità Astrotracer che, combinando le prestazioni del sistema SR e del Gps, consente di eseguire scatti alle stelle con buona efficacia e addirittura a mano libera.

I risultati

Le immagini generate dal grande sensore sono ricche di dettaglio, anche se è evidente la necessità di utilizzare ottiche di qualità per ottenere le migliori prestazioni. Il 24/70 f/2.8, che ci è stato consegnato con la macchina, riesce certamente a non sfigurare sotto l’ingente mole di dati che il sensore acquisisce. Il rinnovato sistema di messa a fuoco ha migliorato le caratteristiche del modello precedente e, anche se i punti di rilevamento non sono molti, le prestazioni sono piuttosto buone. La dinamica appare meno efficace quando si attiva il Live View, il sistema di rilevamento funziona solo a rilevamento di contrasto: velocità e precisione ne risentono immancabilmente. Sul fronte fotografico c’è da sottolineare una notevole capacità di lavorare anche con valori Iso molto alti e in condizioni di scarsa luce. Meno evoluto il comparto video che può registrare clip al massimo in Full HD 30p o 60i, considerando cosa offrono alcune concorrenti è un po’ poco.

Col 24-70mm f/2.8 lo sfocato è morbido e piacevole.
Ottima le resa dei dettagli e la gestione della gamma colore.
Buona la tenuta di lente e sensore nella gestione del controluce.

A conti fatti

La Pentax K1 Mk II è una macchina ben costruita e con prestazioni elevate. Il reparto fotografico risulta assai più godibile rispetto al video e gli amanti del mirino ottico troveranno pane per i loro denti. Ci sono anche tantissime funzioni integrate che possono aiutare anche gli utenti meno smaliziati. Il prezzo, inferiore ai 2.000 euro, consente di acquistare una poderosa fotocamera full frame senza svenarsi e con legittime ambizioni professionali.

Punti di forza

• Corpo macchina di grande qualità e resistente agli agenti esterni.
• Parco funzioni eccellente.
• Ottima risoluzione del sensore.

Punti deboli

• AF in Live view lento e impreciso.
• Video con risoluzione massima Full HD.
• Il display posteriore è orientabile ma macchinoso.

Scheda tecnica

Fotocamera Reflex
Sensore full frame da 36,4 Megapixel
Processore Prime IV
Autofocus Safox 12 fino a 33 punti di rilevamento, di cui 25 a croce
Stabilizzazione sul sensore a 5 assi
Mirino Pentaprisma con copertura del 100% della scena inquadrata
Display da 3,2” orientabile con 1.037.000 di risoluzione Otturatore meccanico 1/8000s, raffica fino a 4,4 fps e 6,4 con modalità crop Aps – C
Ripresa video Full HD fino a 60 fps
Connettività Wi-Fi e GPS
Dimensioni 136,5 x 115 x 85,5 mm
Peso 925 grammi (solo corpo)
Prezzo 1.999 euro (solo corpo)
Prezzo aggiornamento da K1 a K1 Mk II: 550 euro

Scarica le foto scattate con Pentax K1 Mk II

Guarda la recensione video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *