Canon Eos R è pronto per ”catturare il futuro”

Canon entra nell’arena delle mirrorless full frame, affiancando alla propria gamma di reflex e di mirrorless con sensore in formato Aps-C il nuovo e ambizioso sistema Eos R, che giunge sul mercato a oltre trent’anni di distanza dalla nascita di Eos (era il 1987). La sua declinazione iniziale, proposta nel lancio dello scorso settembre, si concretizza in un nuovo corpo macchina e in un corredo succinto ma di alta qualità di quattro ottiche con innesto RF. Vi è poi una serie di tre adattatori per garantire la piena compatibilità con tutto il parco ottiche EF ed EF-S. Andiamo con ordine.

“Capture the future”

Il pay-off del lancio “Capture the future” la dice lunga sulle intenzioni di Canon: offrire a professionisti e consumatori un sistema non solo attuale ma in grado di affrontare e superare anche le sfide che il futuro riserverà. Basato sui punti di forza dell’innesto EF, il nuovo innesto RF è stato completamente ingegnerizzato ex-novo per offrire prestazioni superiori, nuove potenzialità e una maggior flessibilità creativa. La quadratura del cerchio è stata trovata in una baionetta di 54 millimetri di diametro e in un tiraggio di 20 millimetri. L’innesto vanta poi una nuova connessione a 12 pin per un dialogo più efficiente fra obiettivo e corpo macchina, che si traduce in maggiori opzioni di controllo e fruibilità dell’obiettivo.

Affiancato dalla tecnologia Dual Pixel Cmos AF, il nuovo sistema promette, oltre a un’eccellente qualità dell’immagine, anche una messa a fuoco da record (0,05 secondi, “la più veloce al mondo”), dimensioni compatte delle ottiche e grande silenziosità d’uso. Una caratteristica, quest’ultima, che sarà sicuramente apprezzata dai tanti videomaker a cui Canon guarda proponendo la sua mirrorless full frame, che vanta la possibilità di registrare video 4K con uscita a 10 bit tramite porta Hdmi e utilizzare Canon Log per catturare filmati con un massimo di 12 stop di gamma dinamica a 400 Iso.

Eos R: 30,3 Megapixel di rivoluzione

Al centro della scena c’è lei, la neonata Canon Eos R, chiamata a competere in un’arena di mirrorless full frame (alcune appena presentate come quelle dell’eterna rivale Nikon o con quelle del leader del segmento Sony) ma soprattutto con le più alte aspettative dei fedelissimi di Canon. Il produttore giapponese ha dunque messo il meglio della propria tecnologia in questo nuovo modello ma ha curato oltremodo anche l’ergonomia d’uso e il design. La fotocamera è comoda da impugnare grazie alla profonda impugnatura oltre che molto bella da vedere. Il corpo, leggero, è in lega di magnesio con elevata resistenza a polvere e umidità. Ci sono soluzioni orginali come la barra multifunzione personalizzabile (sensibilità Iso, messa a fuoco automatica, bilanciamento del bianco), oltre a un comodo display orientabile che permette ogni tipo di inquadratura in live-view e facilita il lavoro dei videomaker. Un’ulteriore novità è data dalla ghiera personalizzabile presente sulle ottiche (vedi box in basso) che può consentire di regolare l’apertura del diaframma, la velocità dell’otturatore, gli Iso o la compensazione dell’esposizione.

Sotto il profilo delle specifiche tecniche il nuovo modello è equipaggiato con un sensore da 30,3 Mpixel effettivi e processore d’immagine Digic 8. Grazie alla tecnologia Dual Pixel Cmos AF (5.655 posizioni AF selezionabili tramite Touch and Drag AF), Eos R è la prima fotocamera al mondo con messa a fuoco in condizioni di scarsissima illuminazione (-6 EV). Interessanti i valori della raffica: con AF fisso fino a 8 immagine, 5 con AF continuo. La Eos R dispone di un singolo slot per memory card SD, compatibile con lo standard UHS-II. La connettività Bluetooth permette infine di associare uno smartphone (o un tablet) alla fotocamera per inserire i dati Gps nelle immagini scattate, oltre che lo scatto remoto, tramite l’app Canon Camera Connect.

I nuovi obiettivi con innesto RF

Sono tutte ottiche di qualità quelle presentate insieme con il corpo macchina Eos R. Per la precisione sono quattro. La più luminosa è quella a focale fissa RF 50mm f/1.2L USM, un “normale” che fa del grado di dettaglio e nitidezza il suo fiore all’occhiello. Sul mercato a novembre a 2.629 euro. C’è poi l’RF 24-105mm f/4L IS USM, il primo obiettivo Canon full frame con tecnologia NanoUSM, veloce e silezioso in foto e video. Si tratta di uno zoom versatile con apertura focale f/4 costante e stabilizzazione a 5 assi (5 stop) già disponibile a ottobre a 1.259 euro. Obiettivo zoom standard luminoso e versatile, il nuovo RF 28-70mm f/2L USM è il primo zoom standard per full frame con un’apertura così ampia.

Infine, l’obiettivo RF 35mm f/1.8 IS Macro STM è ideale per la street photography, la fotografia di viaggio e i primi piani. Offre una prospettiva naturalmente grandangolare, messa a fuoco ravvicinata e Hybrid IS. La messa a fuoco, l’apertura e il sistema di stabilizzazione sono tutti integrati in un’unica unità. Ci sono poi tre adattatori per le ottiche con innesto EF ed EF-S. Oltre a quello standard (sotto in foto) ce n’è un secondo che aggiunge le funzionale ghiera personalizzabile e un terzo per filtro drop in che aggiunge la possibilità di utilizzare filtri alla base dell’obiettivo (tre quelli attualmente disponibili).

 

Scheda tecnica

Fotocamera mirrorless
Sensore Cmos 30,3 Mpixel
Processore Digic 8
Autofocus Dual Pixel Cmos
Stabilizzazione sulle ottiche
Sensibilità Iso 100-40.000
Otturatore da 30 a 1/8000 sec.
Raffica fino a 8 fps
Ripresa Video 4K 25/30p
Mirino Oled da 3,69 milioni di pixel
Display touch 3,15” 2,1 mil. di pixel
Memory Card 1 slot SD UHS-II
Connettività Wi-Fi e Bluetooth
Batteria LP-E6N (350/370 scatti)
Dimensioni 135,8×98,3×84,4 mm
Peso 580 grammi
Prezzo 2.629 euro (solo corpo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *